,

Tenute Ruffino Chianti Riserva DOCG 2016

10,99

3 disponibili

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

12,99
Peso1 kg
Denominazione

Chianti Classico Riserva D.O.C.G.

Vitigni

80% Sangiovese, 10% Merlot 10% Cabernet Sauvignon

Vendemmia

Fine settembre-metà ottobre.

Vinificazione

Macerazione sulle bucce, fermentazione termo/controllata.

Affinamento

6 mesi botti rovere, vasche cemento, acciaio.

Gradazione Alcolica

13.00%

Temperatura di servizio

16°-18°C

Abbinamenti

Arrosti, Formaggi stagionati, Selvaggina.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Tenute Ruffino Chianti Riserva DOCG 2016”

Il Chianti Riserva DOCG Ruffino è il uno dei capisaldi di Ruffino: il Chianti Vecchio era la produzione più preziosa fin dall’anno della fondazione di Ruffino, 1877; un vino delle grandi occasioni a cui è ispirata questa Riserva nella forma e nella sostanza.

Affinamento in rovere per 6 mesi e successivamente in acciaio per un vino rosso a base di Sangiovese, con l’aggiunta dei vitigni autoctoni toscani tipici del Chianti.

Un rosso vivace dalle tonalità rosso rubino, con profumi di ciliegia e amarena e note più legnose e speziate, e un gusto elegante ed equilibrato con tannini fini e un corpo slanciato.

Un rosso di grande personalità ideale con selvaggina, arrosti e formaggi stagionati.

Tastings Notes

Con gli occhi...

Rosso rubino abbastanza carico.

Con il naso...

Profumi di ciliegia, more, mammola e violette.

Con la bocca...

Vellutato e di buon corpo, dalla chiusura lunga e persistente.

Tenute Ruffino

Ruffino nasce nel 1877, nel borgo di Pontassieve, alle porte di Firenze grazie ai cugini Ilario e Leopoldo Ruffino, il loro sogno creare il “vino ideale”. 1913, Ruffino è acquisita dalla famiglia Folonari che ne preserva l’anima toscana portando una mentalità più organizzata e moderna. A Pontassieve viene inaugurata la linea ferroviaria e i giornali dell’epoca raccontano di un brindisi a base di Chianti Ruffino del 1878. 1945, la storia di Ruffino si interseca a quella d’Italia. Durante la Seconda Guerra Mondiale le cantine di Pontassieve vengono scambiate per la vicina stazione e distrutte dai bombardamenti. Gli anni ’50 e ’60 sono un periodo difficile in Italia, con la ricostruzione prima e lo sfaldamento del sistema mezzadrile poi. In questi anni Ruffino è un simbolo della Dolce Vita in Italia e all’estero, dove i suoi vini raggiungono oltre 100 Paesi e allietano le tavole di Charles De Gaulle, Re Gustavo di Svezia e della Regina Elisabetta. 1984, il Chianti diventa una DOCG e, quasi come un segno del destino, è una bottiglia di Chianti Ruffino a portare la prima fascetta, la numero AAA00000001. Gli anni ’90 sono un momento di splendore per i vini toscani e anche per Ruffino che ne è buon emblema. Il grandioso Colorino di Santedame dà vita al Romitorio e nasce Modus, destinato negli anni a venire a rappresentare meravigliosamente la categoria dei Supertuscan. Oggi, a più di 135 anni dalla sua fondazione e oltre 85 dalla prima annata di Riserva Ducale, Ruffino continua ad esprimere attraverso ogni bottiglia prodotta la storia e la tradizione della Toscana, come con il Riserva Ducale Oro Gran Selezione, nato dalle uve di Sangiovese, Cabernet Sauvignon e Merlot delle tenute Ruffino di Gretole e Santedame e affinato per 36 mesi di cui 12 in legno e 24 mesi in bottiglia

Ti potrebbe interessare…

it Italian
X