Ferrari ‘Demi Sec’ Brut Trento DOC 2020

21,99

3 disponibili

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

23,99
Peso1 kg
Denominazione

Trento DOC

Vitigni

Chardonnay 100%

Vinificazione

Vinificazione in bianco, la presa di spuma avviene per rifermentazione in bottiglia, secondo Metodo Classico.

Affinamento

60 mesi sui propri lieviti prima di essere imbottigliato.

Gradazione Alcolica

12,50%

Temperatura di Servizio

6°-8°C

Abbinamento

Ideale per il fine pasto e i dolci, vi consigliamo di provarlo con una torta alla fragola o con delle crostatine alla frutta e vaniglia.

2 stelle rosse - Un vino di grande livello e spiccato pregioVeronelli

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Ferrari ‘Demi Sec’ Brut Trento DOC 2020”
Download PDF factsheet

Ferrari Maximum Demi Sec è un gradevole spumante di colore giallo paglierino dai tenui riflessi verdolini. Al naso si mostra gentile, intenso e persistente, con una nota di frutta matura nella quale si riconoscono sentori di crosta di pane, nocciola e un variegato bouquet floreale. Al palato appare morbido, elegante ed armonico, con notevole personalità data dalle intense note fruttate tipiche dello Chardonnay, a cui si accostano piacevoli fragranze di vaniglia e lievito che si soffermano lungamente in bocca. Indicato in accompagnamento a dessert e a fine pasto.

Tastings Notes

Con gli occhi...

Luminoso giallo paglierino e perlage di notevole persistenza.

Con il naso...

Sensazioni di mela sostenute da toni di biscotto e cedro, alle note di frutta matura si riconoscono sentori di crosta di pane conferiti dagli oltre tre anni sui lieviti.

Con la bocca...

Morbido, dotato di buona personalità e persistenza, con retrogusto di lievito e spezie.

Ferrari Trento DOC Fratelli Lunelli

Una cantina che non ha bisogno di presentazioni, il cui mito nasce grazie all’intuito di un uomo, Giulio Ferrari, e al sogno di creare in Trentino un vino capace di confrontarsi con i migliori Champagne francesi. Un vero e proprio pioniere, Giulio Ferrari: è lui infatti che per primo intuisce la straordinaria vocazione della sua terra, lui che per primo diffonde lo chardonnay in Italia. È così che comincia a produrre poche selezionatissime bottiglie con un culto ossessivo per la qualità. Vini che da subito entrano nel cuore degli appassionati più esigenti che mai, in Italia, avevano trovato spumanti così eleganti, fini e sorprendenti. Non avendo però figli, Giulio Ferrari cerca un successore cui affidare il suo sogno.
Fra i tanti pretendenti sceglie Bruno Lunelli, titolare di una famosa enoteca di Trento. Grazie alla passione e al talento imprenditoriale, Bruno riesce in pochissimo tempo – siamo nella prima metà degli anni ’50 – a incrementare la produzione, senza mai scendere a compromessi con la qualità, seguendo quella stessa linea tracciata dal fondatore. La tradizione continua, e Bruno Lunelli trasmette la passione ai suoi figli: sotto la guida di Franco, Gino e Mauro, Ferrari diventa leader in Italia e sinonimo del brindisi italiano per eccellenza. In questi anni vedono la luce alcune delle etichette destinate a entrare nella storia: sono il Ferrari Rosé, il Ferrari Brut Perlé e il Giulio Ferrari Riserva.

Ti potrebbe interessare…