,

Leone De Castris Vitivinicoltori dal 1665 ‘Villa Sandera’ Primitivo Rosso del Salento IGT 2020

9,70

4 disponibili

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

11,70
Peso1 kg
Denominazione

Primitivo del Salento IGT

Zona di Produzione e imbottigliamento

Salice Salentino (Lecce)

Vendemmia

Seconda decade di settembre dopo un breve periodo di surmaturazione.

Vitigno

Primitivo 100%

Vinificazione

Macerazione e fermentazione a circa 20-22°C per 10-15 giorni.

Affinamento

Minimo 3 mesi in botte Successivo affinamento in bottiglia per minimo 3 mesi

Gradazione Alcolica

14,00%

Temperatura di Servizio

16-18°C

Abbinamenti

Ottimo da abbinare con grigliate di carne e formaggi stagionati.

Silver MedalMundus Vini
91 / 100Falstaff

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Leone De Castris Vitivinicoltori dal 1665 ‘Villa Sandera’ Primitivo Rosso del Salento IGT 2020”
Download PDF factsheet

Il Salento Primitivo Rosso IGT “Villa Santera” dell’azienda Leone de Castris affina tre mesi in botte e altrettanti in bottiglia. Vino energico e grintoso, che esalta tutte le meravigliose peculiarità della sua terra d’origine, questo Primitivo regala al bicchiere una beva di corpo e calorosità.

Tastings Notes

Con gli occhi...

Rosso rubino.

Con il naso...

Note di frutta rossa e seguono sentori speziati di vaniglia.

Con la bocca...

Ampio, morbido, dal corpo pieno e di buona persistenza.

Leone De Castris - Vitivinocoltori dal 1665

La cantina Leone De Castris è tutta l’autorevolezza della Puglia. La piccola comunità rurale di Salice Salentino da oltre tre secoli ospita orgogliosamente questa realtà ormai ampliamente affermata sul mercato nazionale ed internazionale. I suoi natali risalgono al lontano 1665 quando un nobile spagnolo, innamoratosi di questi fertili terreni e del loro morbido profilo ondulato, decide di iniziare in loco una piccola attività di lavorazione e trasformazione del prodotto. Appassionatosi ulteriormente ai frutti di questa terra e dopo aver accumulato un’ingente quantità di denaro dalle vendite dei possedimenti rimasti in Spagna, compie una serie di investimenti rivolti all’acquisto di diverse migliaia di ettari di terre salentine, impiantando nuovi vitigni ed affiancandovi una fervente produzione di olive e grano. I primi passi verso i paesi esteri si hanno verso inizio ‘800, quando il vino greggio viene rivenduto agli Stati Uniti, in Germania e in Francia.

Ti potrebbe interessare…

it Italian
X