,

Eugenio Collavini ‘ Villa Canlungo ‘ Collio Pinot Grigio DOC 2021

11,90

6 disponibili

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

Scatola regalo Design

Sacchetto Regalo (2,00)

13,90
Peso1 kg
Denominazione

Pinot Grigio Collio DOC

Ubicazione

Collio, San Floriano del Collio, Gorizia,
Cormòns e Mossa.

Vitigno

Pinot Grigio 100%

Vendemmia

Ultima decade di Agosto, prima di Settembre.

Vinificazione

Pressatura sofficee successiva fermentazione totalmente in acciaio per circa 2 settimane alla temperatura di 14-16°C.

Affinamento

Affinamento e maturazione sui lieviti nobili fino a primavera.

Gradazione alcolica

12,50%

Temperatura servizio

6°- 8°C

Abbinamenti

Adatto con gli antipasti a base di pesce e primi piatti asciutti, sul pesce lessato, con uova e carni bianche fredde.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Eugenio Collavini ‘ Villa Canlungo ‘ Collio Pinot Grigio DOC 2021”
Download PDF factsheet

Il Pinot Grigi Villa Canlungo di Collavini nasce dai vigneti di San Floriano del Collio, Gorizia, Cormòns e Mossa. Questa parte di Friuli gode di diversi fattori che concorrono alla qualità e all’espressione delle uve. Rappresenta uno degli alfieri enologici della DOC del Collio. Affinato in acciaio, sulle fecce fini, è da stappare senza esitazione: il Pinot Grigio è il più internazionale tra i vini friulani, capace com’è di abbinarsi ad una notevole varietà di piatti.

Tastings Notes

Con gli occhi...

Giallo paglierino tenue con vaghi riflessi ramati.

Con il naso...

Fresco e fragrante, con richiami di pera e mela golden.

Con la bocca...

Freschissimo, lievemente aromatico ed acidulo, ma nel contempo morbido, sapido ed elegante.

Eugenio Collavini viticultori

Il Signore della Ribolla Gialla.

Alla fine degli anni Settanta, Manlio Collavini decise di dedicare 4,5 ettari di terra ad un’antica varietà autoctona interpretandola come base spumante: la ribolla gialla. Come affermava il professor Attilio Scienza, la ribolla gialla “è la varietà più orientale presente in Friuli Venezia Giulia ed è stata introdotta dalle legioni romane che, dalla Pannonia, andavano in Gallia transitando per il Friuli.” Il risultato raggiunto è una ribolla gialla brut ottenuta grazie ad una nuova interpretazione dei metodi tradizionali di spumantizzazione.

Il Metodo Collavini è nato infatti dall’idea di portare al Martinotti-Charmat tempi e tecniche riservate al Metodo Classico, unendo i vantaggi di entrambi.

Negli anni successivi, ancora 11 ettari di ribolla gialla vennero coltivati sulle colline di Rosazzo, zona eletta per questa varietà, grazie ai suoi terreni marnosi ed alla leggera brezza che la pervade nell’esposizione a nord-ovest. È l’insieme di tali fattori che oggi ci permette di trovare nella ribolla gialla brut uno spumante di assoluto equilibrio e qualità.

Ti potrebbe interessare…

it Italian
X